News

Prosegue la rigenerazione urbana nell’ambito del progetto «Marina di Ventimiglia»

 

  • A breve l’inaugurazione di due locali: nuova vita all’ex bocciofila di San Michele in Città Alta e all’ex “Oblò Café” sul lungomare, grazie agli accordi siglati rispettivamente con lo chef Diego Pani e l’imprenditore Paolo Roi e con Dry Milano
  • Sul waterfront, a breve il via ai lavori de “La Rocca”

Marina Development Corporation prosegue nella valorizzazione della città di Ventimiglia attraverso il progetto “Marina di Ventimiglia” e annuncia l’imminente apertura di due nuovi ristoranti in città: il “Venti” in zona San Michele nella Città Alta, e il “DRY Ventimiglia” nel lungomare di passeggiata Marconi. Dopo l’apertura dell’Antica Gelateria d’Autore avvenuta ad agosto 2021, i due nuovi locali consentiranno di arricchire ulteriormente l’offerta enogastronomica della città.

DRY Ventimiglia è frutto dell’accordo siglato da MDC con il pluripremiato pizzeria&cocktail bar milanese che ha rivoluzionato il format delle pizzerie in Italia. Ubicato fronte mare in piazza Marconi, in prossimità della foce del fiume Roja, il nuovo DRY sorgerà nei locali dell’ex dell’Oblò Cafè, che ha cessato la propria attività a giugno dello scorso anno. Gli interni richiameranno i due ristoranti di Milano ma per gli arredi ventimigliesi è stato scelto lo stile marino, più in linea con la cittadina ligure, con lunghi tavoli e alti sgabelli all’interno e due grandi dehors fronte mare all’esterno. Dry Ventimiglia diventerà un locale di tendenza in città grazie a un’ampia offerta food&beverage di alta qualità, tra cui ottimi cocktail, speciali focacce, stuzzichini di mare e la pizza napoletana che ha ottenuto i prestigiosi riconoscimenti di Forbes e Gambero Rosso.

Nell’ex sede della Bocciofila di Ventimiglia in piazza Colletta, di fronte alla Chiesa di San Michele Arcangelo, aprirà invece al pubblico il ristorante “VENTI”, il cui nome richiama la città di Ventimiglia ma anche i venti che soffiano sulla sua costa. Il locale sarà gestito da due giovani e capaci imprenditori locali: il ponentino Diego Pani, figlio d’arte e noto chef proprietario del ristorante Marco Polo in città, e l’imprenditore Paolo Boeri Roi, co-proprietario dell’azienda olearia di famiglia «Roi», la cui offerta è oggi riconosciuta e apprezzata a livello internazionale. Il Venti si candida a diventare uno dei locali più caratteristici e romantici di Ventimiglia: le sue sale ricorderanno gli interni di un’imbarcazione classica in legno, mentre all’esterno sarà possibile cenare sotto un suggestivo patio di ulivi illuminati.

«Continuiamo a investire nel centro storico e nel lungomare per riposizionare l’offerta di Ventimiglia per il tempo libero attraverso interventi mirati che faranno da volano al rilancio della città, rendendola una nuova destinazione turistica a vocazione italiana per la domanda locale e internazionale», ha affermato il CEO di MDC Giuseppe Noto, che ha ricordato come «gli interventi che annunciamo oggi rientrano nel più ampio progetto di rigenerazione urbana Marina di Ventimiglia».

«È con entusiasmo che ho accettato questa nuova sfida in una location mozzafiato, a due passi dalla casa in cui è nata mia madre», ha commentato Diego Pani. «L’obiettivo è quello di spostare il baricentro del turismo enogastronomico nel nostro meraviglioso borgo. La cucina che porterò in tavola guarderà al Mediterraneo, culla di culture: ed il cibo è cultura. Il trait d’union sarà l’olio d’oliva, e la joint venture con Paolo Roi, grande amico che con talento valorizza nel mondo il nome della “Taggiasca”, ne assicurerà la qualità più assoluta».

E proprio Paolo Roi ha aggiunto: «Quando siamo stati contattati per questa nuova avventura ci siamo subito mossi per cercare il partner adatto, qualcuno che fosse nella ristorazione da tempo, magari da generazioni, con la voglia di fare e mettersi in gioco. Così ho contattato l’amico Diego per cominciare insieme questo progetto, il secondo nel campo della ristorazione per noi Roi. “Venti” sarà un luogo accogliente, affacciato su un meraviglioso scorcio del centro storico. Daremo il massimo per far sentire tutti a casa!».

Infine Giuliano Lotto di Dry ha dichiarato: «Siamo davvero orgogliosi di far parte di un progetto tanto importante ed ambizioso. Prendere parte alla rigenerazione di un territorio e di una città splendida come Ventimiglia rappresenta infatti un fiore all’occhiello per una realtà come la nostra che fa della qualità e della valorizzazione della cultura italiana il suo punto di forza. Qualità e cultura italiana che sono perfettamente rappresentate dal nostro Dry Ventimiglia, un concept che è già divenuto un modello ed un’istituzione nella città di Milano e che siamo sicuri lo sarà presto anche nella sua nuova sede di Ventimiglia».

Mentre prosegue l’istruttoria a livello regionale sulla variante al piano regolatore che interessa il waterfront e l’area del Campasso di Nervia, a fine luglio partiranno infine i lavori per restituire alla città, dopo sessant’anni di abbandono, il ristorante “La Rocca”. Affacciato sul waterfront e incastonato tra le rocce sottostanti il Forte dell’Annunziata che guarda alla vicina Costa Azzurra, La Rocca diventerà il ristorante di punta di Borgo del Forte, il complesso residenziale-alberghiero luxury che sorgerà a est della struttura con un investimento di 200 milioni di euro da parte del fondo BDF, di cui MDC è advisor.